Andreasaltini

artist • http://www.facebook.com/andrea.saltini.71

WHY I AM NOT A PAINTER

I am not a painter, I am a poet.Why? I think I would rather bea painter, but I am not. Well, for instance, Mike Goldbergis starting a painting. I drop in ”Sit down and have a drink” he says. I drink; we drink. I look up. “You have SARDINES in it.””Yes, it needed something there.””Oh.” I go and the days go byand I drop in again. The paintingis going on, and I go, and the daysgo by. I drop in. The painting isfinished. “Where’s SARDINES?”All that’s left is justletters, “It was too much,” Mike says. But me? One day I am thinking ofa color; orange. I write a lineabout orange. Pretty soon it is awhole page of words, not lines.Then another page. There should beso much more, not of orange, ofwords, of how terrible orange is and life. Days go by. It is even inprose, I am a real poet. My poemis finished and I haven’t mentionedorange yet. It’s twelve poems, I callit ORANGES. And one day in a galleryI see Mike’s painting, called SARDINES.

Perchè non sono un pittore

Non sono pittore, sono poeta.Perché? Forse preferirei essere pittore, ma non lo sono. Ad esempio, Mike Goldbergsta iniziando un quadro. Vado a trovarlo ”Siediti e bevi qualcosa” dice Bevo, beviamo. Guardo in alto. “Ci hai scritto SARDINE.””Sì, lì ci mancava qualcosa.””Ah.” Me ne vado, passano i giornie ritorno. Il quadrova avanti; me ne vado, passano i giorni. Ritorno. Il quadro èfinito. “Dov’è SARDINE?”Resta solo qualche lettera, “era troppo pieno,” dice Mike. E io? Un giorno penso aun colore: l’arancio. Scrivo un versosull’arancio. Ben presto diventauna pagina di parole, non di versi.Poi un’altra pagina. Ci dovrebbeessere molto di più, non d’arancio, ma diparole, su quanto sia terribile l’arancio e la vita. Passano i giorni. È perfino in prosa, sono un vero poeta. La poesiaè finita e non ho ancora nominatol’arancio. Sono dodici poesie, le chiamoARANCE. E un giorno in una galleriavedo il quadro di Mike intitolato SARDINE.
Frank O'hara